Adam Arvidsson

Adam Arvidsson è Professore Associato di Sociologia della Globalizzazione e dei Nuovi Media all’Università Statale di Milano. Si interessa di nuove forme di produzione e organizzazione economica emerse con le ultime evoluzioni dei nuovi media.

Gestisce il blog Societing nel tentativo di raccogliere le novità emergenti della social innovation e della Open Economy in generale.
In collaborazione con Alex Giordano ha curato la pubblicazione di Societing Reloaded: pubblici produttivi ed innovazione sociale per EGEA (2013).

Agnese Codignola

Dopo la laurea in chimica e tecnologie farmaceutiche, si è dedicata per anni alla ricerca, conseguendo il dottorato in farmacologia e frequentando il master in Comunicazione scientifica dell’Università di Milano.

In seguito ha lasciato l’attività di ricerca per dedicarsi interamente al giornalismo scientifico. Collabora con i principali gruppi editoriali italiani, occupandosi di temi inerenti all’alimentazione, alla salute, alla sostenibilità e alla scienza in generale.

Alessandro Alliaudi

Diplomato in Film Editing, inizia subito a lavorare nel mondo della post-produzione televisiva, pubblicitaria e cinematografica. Laureato in Comunicazione e Società presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Milano, perfeziona negli anni le sue competenze di videomaking e motion graphics collaborando con le principali case di produzione, agenzie pubblicitarie e reti televisive milanesi.

Ora è AR Content Creator & Supervisor per Bepart con cui collabora dal 2017. Si occupa di creare video e animazioni 2D e di supervisionare l’intero percorso produttivo dei contenuti multimediali in realtà aumentata.

Andrea Magarini

Andrea Magarini è coordinatore Food Policy Milano ed esperto in processi di pianificazione strategica per la governance dei sistemi alimentari urbani e territoriali.

Ha sviluppato attività di ricerca-azione presso il Politecnico di Milano sui temi della pianificazione territoriale, sviluppo locale, cooperazione internazionale e sistemi alimentari. In questo ambito ha partecipato e sviluppato progetti di cooperazione internazionale nei Caraibi (Haiti, Repubblica Dominicana, Cuba), collaborando con istituzioni accademiche, autorità nazionali, agenzie internazionali (UNDP).

Carla Falzone

Carla Falzone approda a Fanpage.it nel 2018 per unirsi al team Backstairs dedicato alle video inchieste. Per il quotidiano on line firma “Camorra entertainment”, raccontando da insider le nozze tra un neomelodico napoletano e una vedova di camorra.

Ha collaborato con la trasmissione di Rai 3 “Report” lavorando alla realizzazione di numerose video inchieste andate in onda tra il 2014 e il 2017. Ha affiancato la giornalista Milena Gabanelli nell’ideazione del format “Dataroom” del Corriere della sera firmando insieme all’autrice numerosi approfondimenti sui temi di attualità.

Giornalista professionista, ha conseguito il master in giornalismo “Ilaria Alpi” dell’Università di Bologna.

Corrado Dottori

Corrado Dottori vive e lavora a Cupramontana. È un vignaiolo che produce Verdicchio e non solo sulle colline marchigiane, oltre ad essere consigliere comunale. È approdato alla vigna dopo essersi licenziato da un posto garantito in una grande banca internazionale. Laureato in economia politica, ha pubblicato Benin. Economia, società e sviluppo etico (L’Harmattan Italia, 2005) Non è il vino dell’enologo. Lessico di un vignaiolo che dissente (DeriveApprodi, 2012) e Come vignaioli alla fine dell’estate (DeriveApprodi, 2019).

Cozinha Nomade

Vincitore PIN – Iniziativa promossa dalle Politiche Giovanili della Regione Puglia e ARTI, Cozinha Nomade è una cucina di quartiere, atelier sperimentale.
Un progetto di inclusione sociale e di politiche inclusive che crea percorsi per valorizzare le competenze dei nomadi culinari, mediante l’accesso a strumenti, risorse e consapevolezza. Cozinha Nomade è cangiante ed assume la forme delle persone che la vivono; è il riflesso di chi la osserva.

Cristina Burini

Dottoranda in Legalità, Culture Politiche e Democrazia presso il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Perugia.

Dal 2019 collabora con Euricse nell’area ricerca.

Le sue ultime pubblicazioni:

Burini, C. and Sforzi, J. (2020). Imprese di comunità e beni comuni. Un fenomeno in evoluzione, Euricse Research
Reports, n. 18|2020, Euricse, Trento [research report].

Burini, C. and Sforzi, J. (2019). Patti di collaborazione e imprese sociali, Rapporto sull’amministrazione condivisa dei beni comuni 2019, Labsus, Roma [contribution in research report].

Burini, C. (2018). Storie di malattia, storie di guarigione nella salute mentale. La narrazione delle emozioni nei professionisti dell’aiuto e negli utenti della salute mentale, CESVOL Perugia, Editoria Sociale, Perugia-Terni.

Elisabetta Tola

Elisabetta Tola è laureata in Scienze Agrarie e con un Ph.D. in Microbiologia. É giornalista scientifica, data journalist e docente di multimedia e comunicazione scientifica.

Media Trainer Specialist per l’Italia per conto di Google News Lab. Co-fondatrice dell’agenzia di comunicazione scientifica formicablu e del il progetto indipendente Facta.

Promuove un giornalismo data-driven basato su una metodologia scientifica. É conduttrice radiofonica a Radio3 scienza, RAI Radio3.

Elisabetta Zavoli

Elisabetta Zavoli è una fotografa documentarista riminese, freelance dal 2009, e membro del collettivo Women Photograph ed Everydayclimatechange.

Nel 2016, le è stato assegnato il “Journalism Grant for Innovation in Development Reporting” rilasciato dallo European Journalism Centre per il progetto sulla deforestazione degli ecosistemi di mangrovie indonesiane indotti dai consumi occidentali di gamberi tropicali.

Nel 2019, la sua fotografia “The landfill midwife” ha vinto il primo premio all’Earth Photo Award rilasciato dalla Royal Geographical Society di Londra.

Elly Schlein

Elly Schlein è una politica italiana, vicepresidente della Regione Emilia-Romagna, già europarlamentare eletta nelle liste del PD, passata a Possibile nel maggio 2015 fino al giugno 2019.

Vince il premio Mep Awards 2017 per il Deputato dell’anno sui temi dello Sviluppo, grazie al suo impegno nella Commissione Sviluppo (DEVE) prima come Relatrice del Parlamento sul contrasto a evasione ed elusione fiscale nei Paesi in via di Sviluppo, poi sui nuovi Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile al 2030 (SDGs) e sul nesso tra migrazioni e sviluppo.

Lavora prevalentemente sui temi su cui si è impegnata in campagna elettorale: diritti, immigrazione, giustizia fiscale, conversione ecologica, lotta alla corruzione e alle mafie.

Fabrizio Barca

Fabrizio Barca, statistico ed economista, è oggi coordinatore del Forum Disuguaglianze e Diversità. E’ stato dirigente di ricerca in Banca d’Italia e Capo Dipartimento della politica pubblica per lo sviluppo nel Ministero Economia e Finanze.

Come presidente del Comitato OCSE per le politiche territoriali e advisor della Commissione Europea, ha coordinato amministratori pubblici e studiosi nel disegno di un metodo nuovo di intervento per i territori in ritardo di sviluppo: il “place-based approach”.
Questa esperienza lo ha condotto a diventare Ministro per la Coesione territoriale nel Governo Monti di emergenza nazionale 2011-2013.

Fabrizio Lollini

Docente di Storia dell’arte medievaleStoria della miniatura e Alimentazione e arti visive all’Università di Bologna, è stato invitato per cicli di lezioni e per conferenze dal Musée du Louvre di Parigi e dall Université François Rabelais di Tours, e dal Dickinson College di Carlisle, di cui è stato docente ufficiale nella sede di Bologna; è stato visiting professor alla Mandalay University, in Myanmar.

Ha organizzato assieme a Sylvie Davidson il convegno Le arti e il cibo (Bologna, 2012), a carattere internazionale, ed è stato responsabile di una seconda edizione (2016) e di una terza (2018); di tutte e tre gli eventi scientifici sono stati pubblicati in seguito i relativi atti.

È autore di più di 160 pubblicazioni, tra cui Lo sguardo sul cibo. Natura e artificio nel rapporto tra arte e alimentazione, sul rapporto tra le arti e il cibo. 

Federico Borella

Federico Borella è un fotoreporter freelance con più di 10 anni di esperienza.

Collabora con l’agenzia internazionale di fotogiornalismo Parallelozero e ha lavorato per riviste, agenzie e pubblicazioni internazionali tra cui Newsweek, Time Magazine, CNN, Stern, Days Japan, XL Semanal, National Geographic USA, NZZ , Alpha magazine, Magazinet Norway, Aftenposten, Dagens Nyether.

Nominato Fotografo dell’Anno al Sony Photography Awards 2019, sempre nello stesso anno ha ricevuto numerosi riconoscimenti tra cui una menzione d’onore all’Harvard University Planetary Health alliance.

Francesca Rocchi

Francesca Rocchi è referente didattico Slow Food in EATALY ROMA; collabora con RAI 3 nella trasmissione GEO con una rubrica dedicata ai presidi Slow Food.

Partecipa come degustatore e redattore all’ultima edizione della Guida all’Extravergine Slow Food Editore, degustatore e redattore alla Guida Osterie d’Italia di Slow Food, redattore alla Guida del Buon Paese di Slow Food Editore.

È docente presso Eataly Roma. Collabora nella rivista Slow Food.

Franco Farinelli

Franco Farinelli ha insegnato per anni geografia a Ginevra, Los Angeles (UCLA), Berkeley, e a Parigi alla Sorbona e all’Ecole Normale Supérieure.

Già presidente dell’Associazione dei geografi italiani, professore ordinario di Discipline della Comunicazione presso l’Università di Bologna e presidente del corso di laurea magistrale in Geografia e Processi Territoriali dello stesso ateneo.

Tra i suoi libri: Pour une théorie générale de la géographie, Ginevra 1988; I segni del mondo. Discorso geografico ed immagine cartografica in età moderna, Firenze 1992; Geografia. Un’introduzione ai modelli del mondo, Torino 2003.

Gabriella Mastrangelo

Nasce a Taranto nel 1984. Si laurea in Design degli Interni presso il Politecnico di Milano nel 2009, si trasferisce a Londra dove lavora in uno studio di architettura e interaction design. Nel 2011 torna in Italia per portare avanti percorsi di ricerca personali e collaborazioni con designer e artisti italiani e stranieri. Co-fondatrice dell’ass. Make People Do Lab, dal 2014 collabora con Entropika, un collettivo di ricerca sull’interaction e il design con base ad Atene, con cui partecipa a diversi eventi tra cui: Elephant&Castle Mini Maker Faire, V&A Digital Programmes Commission– Londra, RGB Light Fest – Roma, hABITAPULIA 2020 – Milano.

Gianfranco Marrone

Gianfranco Marrone, saggista e scrittore, lavora sui linguaggi e i discorsi della contemporaneità. È professore ordinario di Semiotica nell’Università di Palermo.

Giornalista pubblicista, collabora a “Tuttolibri” de “La Stampa”, “doppiozero” e “Alfabeta2”. Tiene una rubrica intitolata “Punto” nell’ultima pagina del magazine “Il Gattopardo”.

Dirige “E/C” (www.ec-aiss.it); fa parte del Comitato scientifico del Centro internazionale di scienze semiotiche di Urbino e dirige la collana “Insegne” presso l’editore Mimesis di Milano e “Biblioteca di Semiotica” da Meltemi.

Giovanni Di Domenico

Pianista e compositore, Giovanni Di Domenico ha trascorso gran parte della sua giovinezza in Africa e in Italia, assorbendo una moltitudine di stili musicali – con tradizioni popolari, l’opera lirica, i richiami alla preghiera dei muezzin, il repertorio classico, il jazz e il punk – che hanno plasmato il suo ampio approccio alla forma musicale e al suono.

Attraverso la sua etichetta Silent Water, ha messo in mostra il lavoro di frequenti collaboratori, tra cui Norberto Lobo, Pak Yan Lau e João Lobo, nonché il trio giapponese Delivery Health – composto da Domenico, O’Rourke e Yamamoto.

Jacopo Sforzi

Ricercatore presso Euricse, è laureato in Scienze Politiche all’Università degli Studi di Firenze e ha conseguito il titolo di Dottore di Ricerca in Sociologia Economica presso l’Università degli Studi di Brescia, con una tesi sul ruolo delle istituzioni e del capitale sociale nei processi di sviluppo locale. Dopo aver lavorato dal 2008 al 2010 come ricercatore presso la Scuola sullo Sviluppo Locale dell’Università di Trento a una ricerca sul fenomeno cooperativo e lo sviluppo rurale nei paesi dell’Est Europa, nel 2010 ha iniziato la propria collaborazione con Euricse in qualità di ricercatore post-doc, con un progetto di ricerca sul ruolo delle BCC nello sviluppo locale. Ha tenuto due cicli di lezioni nel programma di Dottorato in Local Development and Global Dynamics presso la Scuola di Scienze sociali dell’Università di Trento sul ruolo delle istituzioni nello sviluppo locale.
I suoi interessi di ricerca si concentrano principalmente sullo sviluppo locale, sulle politiche di sviluppo e sulle istituzioni locali, con particolare riguardo a quelle di tipo cooperativo, alle istituzioni politiche e ai partenariati pubblico-privato.

Letizia Piangerelli

Laureata in Scienze Internazionali e Diplomatiche con una tesi sperimentale sulla diffusione di Internet in Senegal, ha lavorato per lunghi periodi in progetti di cooperazione internazionale in Honduras, Messico, Argentina, Perù, Belgio.
Il suo background educativo e professionale diversificato – che attinge da Relazioni Internazionali, Antropologia, Processi Partecipativi, Gestalt Counseling, Lego®Serious Play® Facilitation e Systemic Coaching – le permette di attingere a una gamma di pratiche in continua evoluzione e di far leva sul sapere sia razionale che emozionale e intuitivo, per restituire prospettive nuove alle persone e sistemi con cui lavoro.
Nel suo lavoro accompagna professionisti e organizzazioni nella loro evoluzione, aiutandoli a innovare il modo di percepirsi, collaborare e co-creare a partire da una comprensione più profonda della propria identità.

Luca Martinelli

Luca Martinelli è autore e giornalista professionista dal 2009. Per oltre dieci anni ha scritto per la rivista Altreconomia. È stato tra i portavoce del Comitato referendario “2 sì per l’acqua bene comune”.

Ha pubblicato alcuni libri, tra cui “Le conseguenze del cemento”, “Salviamo il paesaggio!” e “La posta in gioco”, tutti usciti per Altreconomia Edizioni.

Ha curato la comunicazione della Strategia Nazionale Aree Interne. Collabora con Altreconomia, il manifesto e la Repubblica.

Luciano Vanni

Nato a Piombino (LI), è riuscito a trasformare le sue grandi passioni (musica, letteratura, arte, enogastronomia e viaggio) in un lavoro.
Ha fondato la Vanni Editore srl, con cui pubblica le riviste Jazzit e Muz, e il movimento Civitates, che si occupa d’innovazione sociale e che edita ‘Il Turismo Culturale’, promuove il “Jazzit Fest” e “A-Change: il festival delle buone pratiche”.

Marco Boscolo

Marco Boscolo è giornalista scientifico. Con una laurea in Storia del Pensiero Scientifico e un Master in Comunicazione delle Scienze, è giornalista, science writer, videomaker e appassionato di data driven journalism collabora con diverse testate nazionali e internazionali. É docente di datajournalism allo IULM e in altre scuole di giornalismo. 

È socio di formicablu, agenzia di giornalismo e comunicazione scientifica con sede a Bologna e Roma. É stato in shortlist ai Data Journalism Awards del 2013.

Unendo la passione per i dati a quella per l’agricoltura ha raccontato sperimentazioni tra semi antichi e moderni, campi biodiversi e miglioramenti genetici partecipativi in una serie di webdoc per testate italiane e internazionali. Dal 2013 cura il laboratorio online datajournalism.it

Marco Mancuso

Marco Mancuso è critico, curatore e ricercatore indipendente.
Focalizza la sua ricerca sull’impatto delle tecnologie e della scienza sull’arte, il design e la cultura contemporanea.

Fondatore e direttore dal 2005 della piattaforma internazionale Digicult, insegna Fenomenologia dell’Arte Contemporanea e Culture Digitali alla NABA di Milano e Sistemi editoriali per l’arte all’Accademia di Belle Arti Carrara di Bergamo.

Cura mostre e progetti sul rapporto arte-design-tecnologia-scienza, e collabora con lo spazio per l’arte Adiacenze di Bologna, ha pubblicato il libro “Arte, Tecnologia e Scienza” per Mimesis Edizioni (2018) ed è dottorando di ricerca presso l’Università Iuav di Venezia. 
E’ in uscita il suo nuovo libro “Intervista alla New Media Art” per Mimesis Edizioni (Ottobre 2020).

Massimo Giorgini

Laureato in Fisica e in Filosofia all’Università di Bologna, nel 1995 ha fondato Bit Wave, spinto dalla passione per le potenzialità di Internet e della multimedialità.
Con 10 anni di esperienza come formatore per gruppi di crescita personale presso associazioni di promozione sociale, sostiene e partecipa attivamente al progetto internazionale delle Città di Transizione.
Dal 2007 al 2010 ha frequentato un corso triennale di Counseling professionale presso l’ASPIC di Modena, è iscritto all’Associazione di Counselor professionisti REICO ed è facilitatori WDL certificato dall’International Bateson Institute.

Pierluigi Musarò

Professore ordinario e responsabile Uos del Dipartimento di Sociologia e Diritto dell’Economia per il Campus di Forlì – Università di Bologna (2018), Pierluigi è presidente dell’Associazione YODA e fondatore e direttore di IT.A.CÀ_migranti e viaggiatori: Festival del Turismo Responsabile.

Responsabile scientifico di diversi progetti europei sul tema delle migrazioni e dei media, dei confini e diritti umani, performing art e cittadinanza attiva.

Responsabile scientifico dei progetti europei:

Partner Unibo di PERCEPTIONS: Understand the Impact of Novel Technologies, Social Media, and Perceptions in Countries Abroad on Migration Flows and the Security of the EU & Provide Validated Counter Approaches, Tools and Practices, Horizon 2020, Security, (2019-2022).

Roberto Barbiero

Laureato in Fisica nel 1993 presso l’Università degli Studi di Milano. Fino al 1997 è stato consulente presso il Centro Ricerche Ambiente e Materiali dell’ENEL partecipando ad attività di ricerca e pubblicando diversi lavori relativi alla meteorologia, alla climatologia e all’inquinamento atmosferico. Nello stesso periodo ha collaborato sulle medesime tematiche con l’Istituto di Fisica Generale Applicata di Milano (Università degli Studi) occupandosi anche della gestione della Stazione Qualità dell’Aria Torre di Brera.

Dal 1997 lavora presso la Provincia Autonoma di Trento occupandosi di meteorologia e climatologia alpina e contribuendo alla nascita di “Meteotrentino”, la struttura che ha le competenze nel settore della meteorologia e che svolge il ruolo di Centro Funzionale per la Protezione Civile nazionale.

Dal 2008 si occupa prioritariamente delle attività legate al clima e ai cambiamenti climatici e svolge il ruolo di coordinamento delle attività tecniche dell’Osservatorio Trentino sul Clima che è stato istituito nel 2010 quale ambito di coordinamento scientifico delle realtà impegnate sul territorio Trentino in attività di ricerca e di monitoraggio sui cambiamenti climatici.

Negli anni ha partecipato in qualità di relatore e divulgatore scientifico a diversi corsi di formazione e a seminari inerenti alle tematiche della meteorologia e climatologia anche in collaborazione con enti esterni quali Università di Trento, AINEVA, il Servizio Valanghe Italiano e il C.A.I.

Rosy Battaglia

Rosy Battaglia, data e civic journalist, è l’ideatrice di Cittadini Reattivi, progetto di crowdsourcing journalism su salute, ambiente e legalità premiato da Fondazione Ahref  nel 2013 e che fa parte del Crowd-Powered News Network creato da Amanda Zamora di Propublica.

Membro dell’ufficio di presidenza della Federazione Italiana Media Ambientali (FIMA), come presidente dell’Associazione di Promozione Sociale Cittadini Reattivi ha aderito alla campagna per il Freedom Information Act in Italia, FOIA4Italy

Già premio Informazione Digitale La Stampa, nel 2015 ha ricevuto il premio Reporter per la Terra da Earth Day Italia per il suo lavoro di informazione sui siti contaminati in Italia.

Rudi Bressa

Giornalista ambientale e scientifico, collabora con La Stampa, LifeGate, Le Scienze e altre testate nazionali. Si occupa principalmente di sostenibilità, cambiamenti climatici e transizione energetica. Ha recentemente pubblicato un’inchiesta finanziata dal Journalismfund sul traffico internazionale di specie protette. È ambasciatore per l’Italia del Clean Energy Wire, network internazionale che si occupa di transizione energetica.

Sara Michieletto

Sara Michieletto, violino primo nell’orchestra del “Teatro la Fenice” di Venezia, ha collaborato con direttori di fama mondiale del calibro di Chung, Muti, Tate, Masur, Pretre, Gardiner, Gergiev.

Dal 2015 si dedica con passione al progetto, da lei ideato, “Emotion for Change” che mira a portare attenzione al nostro rapporto di “non separazione” con la Natura, attraverso il linguaggio potente e intimo della musica e delle emozioni.

Nel 2020 ha ideato l’iniziativa #artistsforplants, con la collaborazione del prof. Stefano Mancuso, per ricordare la centralità del mondo vegetale per la nostra esistenza.

Sara Tirelli

Sara Tirelli è una filmmaker e artista visiva.
La sua attività professionale spazia da progetti artistici a produzioni commerciali come video musicali, ADV e reportage televisivi. Nel 2017 è stata selezionata come Artist in Production in Residency presso il Borås Konstmuseum, in Svezia, dove sviluppa la sua prima opera d’arte VR “Medusa”.

Ha presentato la sua ricerca e lavoro nell’ambito della narrazione immersiva e della produzione VR in diverse occasioni, tra cui “Future Narrative” con Laurie Anderson al Film Festival Gothenburg, “Woman & VR” presso il Trieste Film Festival e “VR and Art” al Supermarket Art Fair di Stoccolma. Nel 2019 ha co-fondato il VR Pavilion, evento collaterale alla 58.Biennale D’Arte di Venezia.

Stefano Laffi

Stefano Laffi ha insegnato metodologia della ricerca sociale, sociologia, sociologia urbana nelle principali università milanesi. È tra i co-fondatori di Codici, dove dirige la rivista codici404 e svolge ricerca, consulenza, valutazione e formazione. Da anni cura progetti partecipativi, per favorire la “presa di parola” da parte dei cittadini.

Sui temi di ricerca ha pubblicato articoli e libri, di recente per Feltrinelli “La congiura contro i giovani”, “Quello che dovete sapere di me”, per le edizioni dell’Asino “Crescere nonostante”, “Le pratiche dell’inchiesta sociale”.

Tiziano Bonini

Tiziano Bonini (PhD in Media, Comunicazione e Sfera pubblica nel 2008, Università di Siena) è professore associato in media studies all’Università di Siena e vive a Firenze.

Si occupa di radio, social media, cultura digitale e pubblici connessi.
Ha pubblicato articoli per riviste internazionali di media studies (Media, Culture & Society; European Journal of Communication; The Radio Journal; European Journal of Cultural Studies, Information, Communication & Society). Ha pubblicato libri sulla radio e su media e globalizzazione.

Valentina Musmeci

Valentina Musmeci è scrittrice e fotografa. Ha realizzato una importante ricerca fotografica sulla transumanza delle pecore in Italia dalle Dolomiti al Mar Adriatico, inserita nelle Gallerie del National Geographic; porta avanti una ricerca fotografica sui popoli nativi e il clima; conduce da 8 anni una ricerca in Europa sull’influenza degli stereotipi nei desideri dei bambini attraverso il progetto fotografico “When I grow up”.

È fondatrice dell’associazione Falenablu, che sostiene la realizzazione di attività artistiche ed educative contro la violenza sulla donna. Falenablu collabora con il MART (TN).

È direttrice artistica di “Péire que préiquen” (Valle Grana, Piemonte), tutor e collaboratrice del “Premio Ostana” sulle Lingue Minoritarie nel Mondo (Valle Po, Piemonte) e usa l’arte per divulgare i temi che le stanno a cuore. Docente di inglese per necessità.

Ha pubblicato “Dove pensano gli asini” con Curcuegenovese Editori nel 2011, “Volare in Trentino” per LaGrafica Editori nel 2013, “Un anno col baio” con Edicicloeditore nel 2014, “Più forte più in alto” con Curcu&genovese nel 2015, “Il bracconiere” per La Grafica Editore nel 2018 e “Storie di Clima” per Edicicloeditore nel 2020.

Valentina Tanni

Valentina Tanni è storica dell’arte, curatrice e docente; la sua ricerca è incentrata sul rapporto tra arte e tecnologia, con particolare attenzione alle culture del web.

Insegna Digital Art al Politecnico di Milano e Culture Digitali alla Naba – Nuova Accademia di Belle Arti di Roma.

Nel 2001 ha fondato Random Magazine, una delle prime rubriche online dedicate alla Net Art, e dal 2011 collabora con la redazione di Artribune.

ziczic

ziczic è un’associazione di promozione sociale nata nel luglio 2017 con l’intento di promuovere la cultura del libro, dell’arte grafica e illustrata, con particolare attenzione al mondo della tipografia e delle metodologie di stampa artigianali, attraverso la programmazione di eventi, mostre, workshop e laboratori.


ziczic è uno studio di ideazione, stampa e confezione di manufatti editoriali, un luogo aperto ad autori, appassionati e curiosi che vogliano cimentarsi nel realizzare un prodotto stampato. È l’idea di dar vita a una piccola casa editrice che si occupi di microeditoria autoprodotta e che ha come principale filone di ricerca e pubblicazione la narrazione di luoghi, paesaggi e storie con linguaggi inediti e supporti di fattura artigianale.