Il main artist dell’edizione Legami Invisibili 2021 è Marco Barotti, un artista multimediale con base a Berlino e finora mai esposto in Italia.
I suoi lavori però sono stati esposti ad Ars Electronica (Linz), Saatchi Gallery (London), Futurium (Berlin), Polytech Festival (Mosca), Fact (Liverpool), Picknick (Seoul), Isea (Montreal), Dutch Design Week (Eindhoven), tra gli altri.

Dopo gli studi in musica e batteria svolti in Italia, presso la Siena Jazz Academy, nel 2007 arriva a Berlino entrando così in una nuova dimensione sonora che mescola i diversi generi e influenze presenti nella città.

L’obiettivo principale del suo lavoro è la creazione di “ecosistemi tecnologici” come metafora dell’impatto antropogenico sul pianeta, al fine di rendere le persone consapevoli delle problematiche ambientali.

Le opere che si potranno vedere alle Serre dei Giardini sono:

  • Moss (2021), si tratta dell’ultima produzione di Barotti, è una scultura sonora cinetica guidata dai dati sulla qualità dell’aria generati dal World Air Quality Index. L’installazione è progettata per analizzare l’aria delle nostre città e reinterpretarne i dati creando paesaggi sonori e cinetici. 
  • Clams (2019) sono installazioni sonore cinetiche che convertono i dati provenienti dai sensori di qualità dell’acqua in suoni e movimenti. 

  • The Woodpeckers (2018) trasformano in tempo reale le radiazioni invisibili utilizzate per la comunicazione mobile e la tecnologia wireless in pattern sonori.
  • Swans (2016) è un’installazione composta da otto antenne paraboliche, elementi di scarto della nostra società che rappresentano il potere della TV mainstream e dei mass media.